Logo Sapone Liquido
Banner Sapone Liquido Naturale Il nostro gruppo su Facebook

La chimica dei saponi

Cenni sulla chimica della saponificazione

Lo scopo di questo libro non è una trattazione della chimica dei saponi, è piuttosto un manuale che se messo in pratica ci permetterà di produrre un sapone liquido naturale di buona qualità.

Per chi volesse approfondire ci sono diversi testi di chimica della saponificazione, per lo più scritti in inglese. Certo, magari un po' della terminologia utilizzata nella saponificazione sarebbe da apprendere, se non altro per gettare una base metacomunicativa per scambiare dei dati con altri saponificatori o per comprendere le basi teoriche delle reazioni di saponificazione per poi capire a fondo il fenomeno e correggere i possibili errori nel processo di produzione.

Ecco cosa sarebbe opportuno sapere ridotto ai minimi termini:

  1. Cos'è un estere di un acido grasso.
  2. Cos'è una base forte.
  3. Cos'è un acido.
  4. Cos'è un sale.
  5. Quali sono i parametri fisici che influenzano la velocità una reazione chimica?

1)

La reazione fra un alcool e un acido si dice di esterificazione e produce quello che viene chiamato estere. Nel nostro caso il comune olio che utilizziamo per fare il sapone è un estere di un acido grasso, ovvero prodotto dalla reazione fra la glicerina (alcol trivalente) e l'acido grasso (ad esempio l'acido oleico o linoleico).

2) 3) 4)

Una base forte è una sostanza altamente basica ovvero con un ph che tende a valori molto alti (14). Le tipiche basi forti sono:

La particolarità delle basi (forti o meno) è che legandosi ad un acido danno luogo ad un sale.

Nella reazione di saponificazione l'estere di acido grasso si dissocia e all'interno del sapone possiamo trovare la Glicerina che viene liberata.

Attenzione: Se un sale viene a contatto con un acido più forte di quello che lo ha generato, l'acido più forte prende il posto di quello più debole che ritorna in soluzione. E' quello che accade quando si inverte la reazione di saponificazione aggiungendo al sapone un acido che si lega alla base forte al posto dell'acido grasso (che è un acido debole). Facendo un esempio pratico, se aggiungessimo dell'acido cloridrico ad un sapone ottenuto con acido oleico e idrossido di potassio quest'ultimo si legherebbe all'acido cloridrico (che è un acido forte) formando cloruro di potassio e liberando l'acido oleico.

5)

I parametri fisici che influenzano la velocità con cui si svolge una reazione chimica sono la concentrazione dei reagenti e il calore. Quindi meno la potassa caustica o la soda caustica sono diluite in acqua (ovvero più sono concentrate) più veloce sarà la reazione di saponificazione, più caldo sarà il contesto in cui si svolge la reazione più veloce sarà la reazione stessa. Ovviamente non potremo superare la temperatura di ebollizione dell'acqua, pena la vaporizzazione della stessa con problemi di fuoriuscita del sapone dal contenitore.

Sapone liquido naturale, Inizio Pagina